atuttadestra.net

Coppia minacciata dall’operatore: il bambino torna a casa

Bari. Ritorna in famiglia il bambino dei genitori della provincia di Bari che alcuni mesi fa erano stati minacciati da un operatore con queste parole: “O cambiate avvocato o non riavrete vostro figlio”. Il Tribunale ha decretato oggi l’immediata deistituzionalizzazione del minore autorizzandone il collocamento presso l’abitazione dei genitori. Si conclude così felicemente una vicenda che era stata riportata dalla stampa locale e nazionale dopo che la coppia, difesa dall’avvocato Francesco Miraglia, aveva denunciato le minacce ricevute. Anche il Comitato dei Cittadini

Continua a leggere

LEGITTIMA DIFESA ED USO LEGITTIMO DELLE ARMI” FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA. DE LIETO (LI.SI.PO.) LE VITTIME DEI CRIMINALI MERITANO MAGGIORE TUTELA

Un ampio dibattito si sta sviluppando nel nostro Paese, sul tema della “legittima difesa”, un tema spinoso  che ha appassionato in un confronto serrato, cittadini, ed “addetti ai lavori, dopo il verificarsi di fatti eclatanti.  Persone aggredite, derubate e violentate in casa, da malviventi brutali, italiani  o stranieri, con  il solito corollario di violenza, di tutti  i tipi, di tutte le specie che, in  diversi casi, hanno provocato  la morte dell’aggredito. Sensazione hanno destato anche aggressioni, in abitazioni e non,

Continua a leggere

Il giornalista sospeso tre mesi dall’OdG per avere augurato la morte a Laura Boldrini

Aldo Grandi, direttore della Gazzetta di Lucca, è stato sospeso per tre mesi dall’esercizio della professione giornalistica dall’Ordine dei Giornalisti per aver augurato la morte a Laura Boldrini. Il provvedimento è stato pubblicato sulla stessa Gazzetta. Qualche anno fa lo stesso Grandi era finito al centro delle polemiche perché aveva scritto che Matteo Renzi – all’epoca ancora Presidente del Consiglio – era un «ex boy-scout traditore da mettere al muro e fucilare nella schiena».Qualche anno prima, nel 2013, Grandi – che il Presidente della Toscana Enrico

Continua a leggere

E’ un 30enne iraniano l’aggressore del bus di Lubecca

(askanews) – Sarebbe un trentenne iraniano l’uomo che, armato di coltello da cucina, oggi ha ferito 14 persone a bordo di un autobus a Lubecca, nel Nord della Germania. E’ quanto ha riportato il quotidiano locale Luebecker Nachrichten, precisando che due persone hanno riportato ferite gravi. L’autobus, molto affollato, era diretto a Travemuende, una nota spiaggia situata nei pressi di Lubecca, quando l’uomo ha cominciato a colpire i passeggeri con il coltello. L’autista ha subito fermato il mezzo, consentendo così

Continua a leggere

Grasso deve versare 80 mila euro al Pd (lo dice il tribunale)

(askanews) – Pietro Grasso deve versare gli 80mila euro dovuti al Pd perché lo ha deciso il tribunale: lo scrive il tesoriere dei Dem, Francesco Bonifazi, su Twitter e su Facebook. “Avevo promesso che avremmo portato la vicenda in Tribunale, per rispetto a chi segue le regole. Oggi è arrivato il decreto ingiuntivo contro il presidente Grasso per gli 80mila euro che deve al Pd. Viva la giustizia”. Aggiunge il tesoriere Pd: “Siamo stati costretti a vincere l’azione giudiziaria e

Continua a leggere

Mattarella ricorda Borsellino, ucciso in via d’Amelio 26 anni fa

(askanews) – Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “A ventisei anni di distanza sono vivi il ricordo e la commozione per il vile attentato di via d’Amelio, in cui hanno perso la vita il giudice Paolo Borsellino e gli agenti Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Claudio Traina. Borsellino era un giudice esemplare: probo, riservato, coraggioso e determinato”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Le sue inchieste –

Continua a leggere

RINVIO A GIUDIZIO PER FINI. DA DELFINO DI ALMIRANTE A CONTESTATORE DI BERLUSCONI

E’ stata fissata la data per il rinvio a giudizio con l’accusa di riciclaggio per Gianfrranco Fini. Il 30 novembre comparirà davanti alla quarta sezione penale del tribunale di Roma. Il Gup di Roma insieme all’ex presidente della Camera, ha mandato a processo anche la compagna di Fini, Elisabetta Tulliani e con lei, il padre Sergio e il fratello Giancarlo, oltre al “re delle slot” Francesco Corallo. Francesco Caroleo Grimaldi e Michele Sarno, i legali di Fini hanno commentato: “il

Continua a leggere

“Borsellino fu ucciso perché contrario alla trattativa con la mafia”

(askanews) – Sono 5.252 le pagine di motivazioni al processo sulla trattativa stato-mafia. Un processo durato cinque anni, che ha visto alla sbarra boss e politici dichiarati colpevoli di minaccia e violenza al corpo politico dello Stato. Assolto l’ex ministro Nicola Mancino, accusato di falsa testimonianza. Per Marcello Dell’Utri sono punite le condotte commesse contro il governo Berlusconi. In sostanza i carabinieri del Ros sono stati condannati per i fatti commessi fino al 1993; Dell’Utri per i fatti del 1994:

Continua a leggere

La mamma di Stefano Cucchi piange in aula: «Da cadavere non l’avevo riconosciuto»

«L’ho partorito, l’ho cresciuto l’ho portato per mano, quando l’ho visto cadavere non l’ho riconosciuto». Momenti di forte commozione oggi in aula in Tribunale a Roma durante la deposizione della madre di Stefano Cucchi, Rita Calore, in corte d’assise al processo sulla morte del geometra di 31 anni, deceduto il 22 ottobre del 2009 all’ospedale Sandro Pertini di Roma, sei giorni dopo essere stato arrestato per possesso di droga e, secondo l’accusa, a causa delle botte da parte dei carabinieri. La mamma di Cucchi è

Continua a leggere

Roma, il leader di Forza Nuova Castellino arrestato per resistenza a pubblico ufficiale

Giuliano Castellino, coordinatore romano del movimento politico di estrema destra Forza Nuova, è accusato di aver aggredito la scorsa settimana alcuni poliziotti che lo avevano fermato in via Ottaviano mentre stava discutendo in strada. Ad aprile era stato arrestato per resistenza e evasione mentre portava a spasso il cane sotto casa (era ai domiciliari), a maggio era stato rinviato a giudizio per violenza e resistenza a pubblico ufficiale per gli scontri avvenuti il 23 agosto 2017 con gli agenti della Digos. «Si

Continua a leggere
1 2 3 1.747