atuttadestra.net

Confsal Lombardia: rammarico su situazione Trenord e considerazione del personale

Apprendiamo oggi dagli organi di stampa che in data odierna si è tenuto un incontro in
cui la Regione ha illustrato alle sigle sindacali il progetto sul futuro di trenord.
Come SLM Fast Confsal siamo rammaricati e increduli di come si cominci questa nuova
avventura. Le Organizzazioni Sindacali CGIL CISL e UILT avevano avanzato una richiesta
di incontro e successivamente anche Orsa, SLM Fast Confsal, UGL e Faisa ma purtroppo
ci vediamo esclusi da questo incontro, eccetto l’Orsa Ferrovie.
Vorremmo ricordare alla nuova dirigenza di Regione Lombardia che codesta
Organizzazione Sincacale è presente dagli anni 50 nel panorama del trasporto pubblico
locale, firmataria di Contratto Nazionale nonché dei contratti Aziendali più importanti
del settore, tra cui quello di Trenord.
Tale non convocazione è uno schiaffo morale nei confronti di un’organizzazione
sindacale e nei confronti dei lavoratori che rappresenta. Gli stessi lavoratori che forse
voi non considerate per niente. Siamo stati in silenzio sui continui annunci ed appelli su
quanto questa nuova scissione sia la panacea per il trasporto pubblico Lombardo,
fingendo che non sia la stessa regione ad aver promosso il percorso opposto 8 anni fa.
Ma la Regione si è chiesta cosa passeranno nuovamente i lavoratori?

www.fastmobilita.it www.sindacatofast.it
SEGRETERIA REGIONALE LOMBARDIA
FEDERAZIONE AUTONOMA dei SINDACATI dei TRASPORTI
Stazione FS Piazza Duca d’Aosta – 20124 – Milano (MI)
Mail: lombardia@slm.sindacatofast.it – PEC:lombardia@pec.sindacatofast.it
Tel. e fax 02 63712006 Tel. 02 6698408
Che contratto andrà loro applicato? Che alcuni rischieranno di essere traslati a nuova
azienda ancora forzatamente e senza essere interpellati? E perché Organizzazioni
sindacali che li rappresentano non sono state informate? Questa è la considerazione
che Regione ha di quelli che sono comunque ad oggi i Propri Lavoratori?
Visto quanto sia importante per tutti iniziare un proficuo percorso siamo a chiedere un
immediato incontro che riconduca a corrette relazioni con tutte le parti sociali che
dovranno governare un complicatissimo processo di divisione sulle spalle dei soliti
Lavoratori che si sobbarcheranno gli errori di passate dirigenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.