atuttadestra.net

Il volto del Duce sull’auto Agsm. D’Arienzo chiede provvedimenti

«L’azienda pubblica e il simbolo del male», commenta così il senatore del Pd Vincenzo D’Arienzo l’effigie del Duce in bella mostra sul cruscotto di un’auto aziendale di Agsm.  «L’utilizzatore dell’auto di servizio, come dimostra il biglietto esposto, non ha alcun problema a rendere pubblico quel simbolo del male. La domanda è d’obbligo, quindi: il busto di Mussolini è una dotazione individuale o di servizio? Un’azienda pubblica non può e non deve riabilitare o favorire l’apologia di quel personaggio», denuncia il parlamentare veronese.

 

«Non è consentita alcuna sottovalutazione sul rischio di revisionismo storico di un periodo e di persone che hanno distrutto l’Italia e insanguinato l’Europa. L’azienda e il Comune, proprietario di Agsm, devono immediatamente intervenire per bloccare ogni iniziativa che esalta pubblicamente un’azione riconosciuta reato dalla legge, a maggior ragione se compiuta da un proprio dipendente e con mezzi pubblici. Chi ha esposto quel simbolo deve assumersi tutte le responsabilità del gesto ignobile che ha commesso, con l’aggravante che l’ha fatto con un mezzo che non è nella sua disponibilità e che è pagato anche con i soldi di chi, come me e la maggioranza dei veronesi, condivide valori che quel dittatore voleva eliminare, anche fisicamente», conclude D’Arienzo.

 

IL COMUNICATO DELL’AZIENDA

In serata il comunicato dell’Azienda: «Agsm apprende oggi della presenza su un mezzo aziendale di un’effige del Duce. Sono state avviate nella giornata odierna le dovute verifiche sulla vicenda alla conclusione delle quali saranno applicati eventuali provvedimenti disciplinari».

 

 

 

fonte: http://www.larena.it/territori/citt%C3%A0/il-volto-del-duce-sull-auto-agsm-d-arienzo-chiede-provvedimenti-1.6509339?refresh_ce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.