atuttadestra.net

Matteo Salvini allo stadio con la giacca della griffe di CasaPound. Ed è polemica

ROMA  – Matteo Salvini va allo stadio con un giacchetto blu della Pivert, azienda legata a Casapound. E scoppiano le polemiche. Il leader della Lega, [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, Ladyblitz – Apps on Google Play] in queste ore impegnato a trovare una soluzione di governo con l’omologo del Movimento 5 stelle Luigi Di Maio, mercoledì 9 maggio è andato a Torino ad assistere in tribuna alla finale di Coppia Italia tra la Juventus e il Milan, di cui è un gran tifoso.

Solo che quella giacca non è passata inosservata. Il proprietario dell’azienda che la produce è Francesco Polacchi, dirigente romano del movimento di estrema destra molto vicino allo storico leader Gianluca Iannone e fondatore, insieme con Davide Di Stefano (fratello minore del più conosciuto Simone)del Blocco Studentesco.

Ma non solo. Polacchi, già tra i protagonisti degli scontri di piazza Navona del 2008 con spranghe e bastoni, è salito agli onori delle cronache anche recentemente, quando è stato indagato per una aggressione razzista del giugno 2017 nel centro di Milano.

Il brand, sottolinea la stessa azienda, è un marchio “completamente made in Italy” con diversi punti vendita in tutta Italia e le cui collezioni richiamanol‘ideologia di estrema destra, dalla “semiDIO” alla “fighter” passando per le latineggianti “martialis” o “imperium”. Tra i testimonial compare anche l’ex modella Nina Moric, che da qualche anno ha abbracciato la causa di Casapound.

Inevitabile è montata la polemica, con il deputato del Pd, Michele Anzaldi,che ha accusato Salvini di aver indossato “il giubbetto simbolo dei neofascisti”. “Il segretario leghista – scrive – manda subito un segnale al suo mondo di riferimento, mentre tratta la lista dei ministri con Di Maio. Ecco chi arriva al Governo grazie al Movimento 5 stelle”.

Per Casapound si tratta “solo di strumentalizzazioni politiche”: “Che in passato ci siano stati buoni rapporti tra noi non è un segreto – ribatte Simone Di Stefano, leader delle tartarughe frecciate -: abbiamo fatto un’iniziativa insieme al teatro Brancaccio di Roma, sono salito sul palco insieme a lui a piazza del Popolo di fronte a migliaia di persone”. E proprio in quell’occasione, nel 2015, Di Stefano indossava lo stesso identico capo mostrato ieri sera da Matteo Salvini.

A replicare è anche “Il primato nazionale”, blog online di Casapound, tra le cui firme compare anche quella dello stesso Francesco Polacchi. Il sito parla di “isterismi della sinistra antifascista”, i cui attivisti che “si volevano ribelli” sono “finiti a fare i preti”. L’azienda, dal canto suo, ironizza e ringrazia “per l’inattesa pubblicità”.

 

 

fonte: https://www.blitzquotidiano.it/politica-italiana/matteo-salvini-stadio-casapound-2875085/

Un commento

  • Mirella

    Nina Moric… abbraccerebbe qualsiasi cosa pur di rimanere a galla.
    Non mi pare che possa dare un contributo ideale, culturale, politico, intellettuale…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.