atuttadestra.net

A SAN MARTINO IN RIPAROTTA MONTA LA PROTESTA; FN “BASTA ZINGARI”

RIMINI – Blitz questa notte con l’affissione di uno striscione dal messaggio imperioso da parte di Forza Nuova Rimini nell’area del sottopassaggio dell’uscita della Strada Statale 9 a San Martino in Riparotta, occupata ordinariamente da carovane di nomadi come denunciato nei giorni scorsi dai residenti della zona e dai militanti forzanovisti.
“Cittadini disgustati dalla non curanza che il sindaco e le istituzioni hanno sempre avuto alle richieste di aiuto sul problema e che, puntualmente, si ritrovano le carovane davanti alle proprie abitazioni” – descrive la situazione Mirco Ottaviani, coordinatore Forza Nuova Romagna ed ex candidato sindaco in città.
“Oltre ai problemi dovuti alla scarsa manutenzione della strada – prosegue – si aggiungono il degrado e la sporcizia lasciata dai nomadi che durante la loro permanenza stendono panni in ogniddove, fanno giocare bambini nudi a bordo della statale ed improvvisano toilette nei posti più improbabili.”
“I cittadini hanno il diritto di vivere serenamente i propri quartieri e troveranno sempre accanto a loro il supporto dei militanti forzanovisti – promette poi – affinché non giunga alcuna carovana nelle zone predestinate alle microaree, affinchè il campo nomadi di via Islanda venga raso al suolo e i personaggi ivi residenti allontanati definitivamente dal nostro paese.”
“Forza Nuova – conclude Ottaviani – già lo diceva durante le ultime elezioni amministrative quando il centrodestra che ora vorrebbe mettere il cappello sulla protesta, proponeva la stessa soluzione che il centrosinistra si appresta a mettere in atto, ovvero microaree controllate con l’utopico intento di integrare una popolazione che non ne ha la minima intenzione di farlo.
E allora tacciano e siano i cittadini a far valere le proprie istanze!”
Ufficio Stampa
Forza Nuova Rimini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.