atuttadestra.net

Pupazzo Macron impiccato in piazza

Preso a pugni, impiccato e poi dato alle fiamme. Un manichino con le fattezze del presidente francese Emmanuel Macron è stato al centro delle proteste ieri a Nantes, dove un gruppo di manifestanti incappucciati ha simbolicamente ‘condannato a morte’ il capo di Stato francese. Sul pupazzo, vestito con giacca, camicia e jeans scuri è stata attaccata la foto di Macron e il manichino, dopo essere stato preso a pugni dai manifestanti, è stato impiccato e bruciato.

La messinscena dell’esecuzione ha provocato indignazione, soprattutto tra i rappresentanti di La Republique en Marche, il partito di Macron, che hanno bollato il gesto come “violento”, “inaccettabile” e “indegno della democrazia”. Un portavoce del sindacato ‘Solidaires’ ha si è detto “solidale” con i giovani che hanno bruciato il manichino di Macron. “E’ più che mai necessario non solo farlo oscillare sul suo piedistallo – ha detto il portavoce del sindacato – ma anche restituirgli il maltolto”.

Da qualche settimana in Francia il clima è diventato rovente, con scioperi, manifestazioni e proteste contro le contestate riforme dell’università e delle ferrovie. I piani di riforma del governo prevedono, tra le altre cose, l’abolizione dello statuto speciale per i nuovi assunti e l’apertura della rete alla concorrenza, come richiesto dalla legislazione dell’Unione Europea. (adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.