atuttadestra.net

Modena, Casa Pound e Fn: «Resteremo nelle strade»

Quasi 4mila voti non sono bastati a Casa Pound per sfondare la soglia umorale dell’1%, ma fanno del partito della tartaruga quello più in vista del panorama modenese. «Abbiamo triplicato i voti rispetto al 2013 – analizza Stefano Ferrarini, candidato alla Camera nel collegio di Modena – ma non è bastato. Non possiamo negare che qualcosa in più ci saremmo aspettati anche perché il nostro è un programma che va in difesa dell’Italia e aveva proposte di assoluto buon senso. E lo dico chiaramente: se i media nazionali avessero permesso al nostro candidato Simone Di Stefano di esporre le nostre idee e non di soffermarsi su questioni di 70 anni fa io sono convinto che saremmo potuti arrivare al 10%. Per certi versi viene da dire che siamo più a sinistra noi di certi altri partiti, inteso come senso di appartenenza ai problemi più socialmente rilevanti. Comunque abbiamo intrapreso una strada e continueremo a stare nelle strade per proseguire le collette alimentari per gli italiani in difficoltà, per difenderli dagli sfratti iniqui dovuti a problemi non a loro imputabili. Resteremo al fianco di chi ha più bisogno».

«Partiamo col ringraziare tutti coloro che ci hanno dato fiducia – dicono da Forza Nuova Modena – Come avevamo previsto la settimana scorsa l’Emilia Romagna non è più rossa e il voto degli italiani non ha fatto che confermare il fallimento di un centrosinistra che ha badato più a tutelare gli interessi del capitale finanziario che dei lavoratori. Il margine per Forza Nuova c’è e già da oggi saremo presenti sul territorio per continuare le numerose battaglie che abbiamo iniziato. Sicuramente ci ha penalizzato l’assenza sui maggiori organi di informazione a livello nazionale, nonché la malafede nel dipingere Forza Nuova come un movimento pericoloso. Considerando che anche Potere al popolo, il nemico più acerrimo, ha ricevuto una sonora sconfitta ci auguriamo possa concentrarsi più sul proprio programma che intraprendere crociate verso Forza Nuova. Vogliamo ricordare che noi mai ci siamo permessi di ostacolare una iniziativa di qualsiasi partito, mentre alle nostre, purtroppo, la Questura si trova con la necessità di dispiegare le Forze dell’ordine e a colpo d’occhio

tutto ciò allontana il cittadino ignaro della vera natura dei militanti di Fn. Convinti che a lungo andare l’onestà e il lavoro possano essere premiati continueremo a fare politica 365 giorni l’anno sperando di toglierci grandi soddisfazioni in qualche elezione comunale».(fd)

Un commento

  • dextrus

    Bellissimo quadretto: a Modena due movimenti dell’Area che devono lottare per il territorio. Di Stefano e Fiore siete due geni, e ancora di più chi vi segue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.