atuttadestra.net

REGIONALI, ANTONINI (CASAPOUND): IL COMUNE DI MONTEROTONDO FA PUBBLICITA’ A ZINGARETTI E VIOLA LA PAR CONDICIO

“Zingaretti non si presenta ai confronti e non ha interesse a dare la parola ai ‘pretendenti al trono’. Ciononostante c’è chi gli fa pubblicità illegale. Ecco perché ho segnalato all’Agcom e al Corecom del Lazio il comportamento illecito del comune di Monterotondo che viola la par condicio”. È la denuncia di Mauro Antonini, candidato alla presidenza della Regione Lazio per CasaPound Italia.

“Ieri, sulla pagina Facebook del comune di Monterotondo (e sul sito istituzionale del comune stesso), è stato pubblicato un post in cui si celebra l’inaugurazione del reparto psichiatrico dell’ospedale avvenuta alla presenza del presidente della Regione Zingaretti e del sindaco”, spiega Antonini.

“Siamo alle solite. Che a pochi giorni dal voto si inaugurino strade, piazze e strutture fa parte di quello squallido modo di fare ‘politica’ tipico dell’attuale classe dirigente, ma che un ente istituzionale (il comune) si prostri così platealmente alle spicciole logiche elettorali è una palese violazione della legge che regolamenta la par condicio in campagna elettorale”, prosegue l’esponente di CasaPound.

“Infatti, secondo l’art. 9 della legge 28/2000: ‘Dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni’, sottolinea Antonini.

“Cialtroni, con noi non la passerete più liscia. È finito il tempo delle ‘città rosse’ dove potevate pensare di fare il bello e il cattivo tempo a vostro piacimento. CasaPound vigila sempre e chiederà a gran voce il rispetto dei regolamenti. Perché in un Paese dove nei confronti del nostro movimento vige l’unica regola del ‘due pesi e due misure’, noi attraverso i canali istituzionali vi faremo passare la voglia una volta per tutte”, conclude Antonini.

Un commento

  • Antonella

    SONO PIENAMENTE D”ACCORDO.CONDIVIDO TUTTO .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.