atuttadestra.net

Largo ai giovani: fra i neo-diciottenni, CasaPound sfiora il 5%

Cosa pensano dell’attualità e della politica i giovani che non vedono Piazza Pulita o Agorà, che non leggono Repubblica o Il Corriere della Sera, ma ricercano informazioni in modo autonomo sulla rete? Una buona risposta arriva dal sondaggio presentato nel nuovo numero dell’Espresso e che riguarda le dichiarazioni di voto dei neodiciottenni che, nell’anno che sta per cominciare, si troveranno per la prima volta ad esercitare il proprio diritto di voto. Ebbene, sorpresa, in questa particolare rilevazione, CasaPound Italia è data al 4,7%. Una percentuale a ridosso di Mdp (5,1%) e molto elevata di quella dei Radicali (2,7%), di Alternativa Popolare (1%) o di Forza nuova (1%). Certo, si tratta di una geografia politica completamente rivoluzionata, in cui il Partito democratico prende il 28,2% e la Lega solo il 7,5%. Ma il dato è comunque rivelatore.

Alla domanda “Quale di questi politici ti piace di più”, poi, l’1,4% ha risposto Simone Di Stefano, anche se in questo caso il dato più clamoroso èil 44,6% che non predilige nessuno dei politici indicati. Alla domanda “Quale di questi politici ti piace di meno”, Simone Di Stefano ha preso invece il 2,6%, che è comunque indice di un’affermazione del segretario di Cpi nell’immaginario dei più giovani.

Non è la prima volta che sondaggi rivolti ai giovanissimi danno questi risultati. Tempo fa, un’indagine condotta dall’istituto di ricerca Swg e dal portale Skuola.net, rivelava che se a votare fossero i famosi “millennials”, intendendo i nati intorno all’anno 2000, il Pd avrebbe la metà dei consensi, il Movimento 5 Stelle confermerebbe i propri numeri, mentre a sorpresa CasaPound potrebbe contare su un potenziale 9%. Il 5% degli intervistati si dichiarava infatti “molto vicino” alle posizioni dei “fascisti del terzo millennio” (un dato in linea col sondaggio dell’Espresso, quindi), mentre il 4% era comunque “abbastanza vicino”. Uscendo dai sondaggi, poi, e guardando a elezioni “vere”, anche se limitate ad un ambito scolastico, è di qualche giorno fa la notizia che il Blocco Studentesco, organizzazione giovanile di CasaPound Italia, ha ottenuto più di 56mila preferenze prese nei licei e negli istituti di tutta Italia, oltre a tre presidenze di consulte provinciali da Ascoli a Fermo passando per Viterbo, numerose segreterie e oltre 200 rappresentanti. Insomma, le nuove generazioni sembrano proprio avere le idee chiare.

Giorgio Nigra

 

 

fonte: https://www.ilprimatonazionale.it/politica/largo-ai-giovani-fra-i-neo-diciottenni-casapound-sfiora-il-5-76859/

Un commento

  • giovanni

    cpi movimento fascista?più o meno quanto lo e fdi.
    basta ricordare le pseudo alleanze di cpi con la lega.
    Forza nuova unica opposizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.