Pubblicato il: 5 dicembre 2017 alle 5:30 am

Minacce di morte a Meluzzi ed Allam

Il Corriere della Sera, con un piccolo trafiletto non ripreso da nessun organo di stampa, ha dato notizia del ritrovamento in un vagone ferroviario di uno zaino al cui interno, la Polfer ha rinvenuto proiettili, una bottiglia di benzina, mappe e foto di Alessandro Meluzzi e dello scrittore Magdi Cristiano Allam, noti esponenti anti-islamici. Già nello scorso mese di settembre l’Imam di Bari, Sharif Lorenzini, cittadino italiano d’origine irachena, aveva tuonato in un’intervista all’emittente Repubblica TV, contro i due esponenti emettendo una fatwa ai sensi del versetto n. 33 del Corano che prescrive come “La ricompensa di coloro che fanno la guerra ad Allah e al Suo Messaggero e che seminano la corruzione sulla terra è che siano uccisi o crocifissi, che siano loro tagliate la mano e la gamba da lati opposti o che siano esiliati sulla terra: ecco l’ignominia che li toccherà in questa vita; nell’altra vita avranno castigo immenso”. Ovviamente le minacce di morte fatte ad esponenti non conformi al politicamente corretto della plutocrazia radical-chic che ci governa non ha fatto notizia e nessuno politico ha espresso solidarietà agli interessati o hanno chiesto una dura repressione come invocano contro i giovanotti del Veneto Fronte Skinhead che hanno letto un volantino anti-immigrazione interrompendo una riunione di associazione antinazionali e pro-invasione afro-islamica del nostro Paese. Forse qualcuno degli oltre 2 milioni di musulmani residenti in Italia ha preso alla lettera la Fatwa dell’Imam di Bari, e ancora non si è capito se lo zainetto è stato dimenticato o abbandonato improvvisamente per imprevisti da aspiranti terroristi, oppure è stato volontariamente lasciato nel vagone a fini meramente intimidatori. L’unica cosa certa è che la notizia è stata silenziata al fine di non creare sentimenti anti-islamici, tanto che ci risulta che gli interessati hanno conosciuto la notizia perché pubblicata sul giornale e non perché gli è stata comunicata dalle autorità. Speriamo che attraverso l’ausilio delle telecamere e delle impronte digitali, che speriamo qualcuno incautamente abbia lasciato, si scoprano gli autori delle minacce. F.O.

Leave a Reply

Advertisement

TENIAMOCI IN CONTATTO

Il sito “A tutta Destra” è pubblicato dall’Associazione non lucrativa socio-culturale “AGORA’ NEWS” – C.F./P.I. 92063900721. Registrazione presso l’Ufficio del Registro del Tribunale di Trani al numero 03/10 del 03/02/2010. | Atuttadestra WordPress™ Powered by Antonio Valls. Qualsiasi disputa legale avrà quale foro competente il TRIBUNALE DI TRANI, anche a livello internazionale.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.