atuttadestra.net

ESTRADIZIONE CESARE BATTISTI. DE LIETO (LI.SI.PO.), L’ITALIA CONTINUA DECISAMENTE A CHIEDERE L’ESTRADIZIONE DELL’EX TERRORISTA

Un terrorista ed assassino, come Cesare Battisti, si atteggia a vittima, solo perché  l’attuale  Presidente del Brasile, discostandosi dalle decisioni del suo predecessore, sembra orientato a concedere l’estradizione in Italia, per il terrorista, da dove è fuggito 36 anni or sono. Il Brasile di oggi – ha dichiarato il Presidente Nazionale del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.), Antonio de Lieto – sembra avere le idee chiare, pur rimanendo garantista, forse troppo. Attualmente il processo di estradizione è in attesa del parere della Corte brasiliana, ma tutto lascia pensare che il buon senso e la ragionevolezza, finalmente, prevarranno. Cesare Battisti è stato arrestato  e successivamente rilasciato, mentre cercava di andare in Bolivia. Questo signore, è stato un terrorista che operava nelle file dei “proletari armati per il comunismo”  e condannato  a due ergastoli per quattro omicidi, fra cui quelli di un Maresciallo della Polizia Penitenziaria e di un Agente della Digos. Ora, questo signore, sta facendo di tutto per non essere estradato. L’Italia  ha rispettato tutti i suoi diritti processuali  ed ora, si atteggia a vittima, opponendosi  strenuamente, con bravi avvocati, alla richiesta di estradizione. Il nostro Paese, in questa occasione, ha dimostrato di avere le idee chiare ed appare evidente che  non è un perseguitato, ma semplicemente un assassino, che ha goduto di molte protezioni.  Il  Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) – ha concluso de Lieto – ritiene che l’Italia  debba continuare, con sempre maggiore  determinazione, ad operare per ottenere l’estradizione di Cesare Battisti, dal Brasile, per rendere effettiva giustizia, alle vittime delle azioni sanguinarie  di questo ex terrorista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.