atuttadestra.net

RAGGRUPPAMENTO NAZIONALE COMBATTENTI REDUCI RSI: CONTINUITÀ IDEALE

downloadIn questa Italia devastata, depredata e avvilita da una insensata generazione politica, alla quale fa da corollario la sudditanza ad una Europa da mercanti in fiera ormai prossima all’estrema unzione, c’è ancora, tra i nipotini della liberazione, ceppo storico di tanto sfascio, chi la celebra, sia pur stancamente e collocata in riti che ne mostrano ampiamente la logora trama. E nei quali, malgrado siano trascorsi settant’anni (e la verità storica si sia affermata) non vi è il minimo cenno sulla responsabilità resistenziale dei massacri perpetrati contro i vinti, silenziose le armi: contro i fascisti e presunti tali, militari e civili, uomini e donne, e a far buon peso (per i resistenti) anche ragazzini, maschi e femmine. In un delirio di sopraffazione che rimane unico in tutta la nostra Storia unitaria. Questo celebrano i cosiddettivincitori (i resistenti) che nei confronti della vittoria, quella autentica, hanno indossato con estrema disinvoltura le penne sgargianti del pavone, nella frusta ed erronea illusione di aver liberato (loro) l’Italia dal nazi-fascismo (formula beota e fantasiosa a coprire ogni sorta di delitto), anziché le multicolori Armate degli Alleati.

Oggi, come sempre, nell’infausta data del 25 Aprile, quali Combattenti superstiti della Repubblica Sociale Italiana con i più giovani di Continuità Ideale, ricordiamo con infinito intatto dolore ma con immutato orgoglio tutti i Caduti, militari e civili, della Repubblica Sociale Italiana, alla cui testa poniamo il Duce del Fascismo, Benito Mussolini. Una Legione di Caduti per l’Onore d’Italia che ci sprona alla lotta ideale contro la melma partitocratica al guinzaglio della finanza apolide e dell’usura. Riconfermando, così, il nostro giuramento di fedeltà ad un’Idea che nell’attuale marasma mondiale, brilla di luce vivissima, proiettata nel futuro, quando l’attuale ubriacatura dei popoli avrà esaurito i suoi degradanti effetti.

Per tutti coloro che caddero nella lotta del sangue contro l’oro, si alza forte e solenne il nostro grido: Presente!
Gianni Rebaudengo
Presidente RNCR RSI – Continuità Ideale

Un commento

  • BANOTTI FELICIANO

    Mi è ricapitato da una mia raccolta storica, il numero 3/2002 del mensile Nuova continuità ideale. Ovviamente data la mia età ( ANNI 76) non sono STATO UN COMBATTENTE DELLA RSI.
    La Storia darà risalto ai falsi fascisti, poi collaboranti con i vincitori, diventati PCI od altro ( come al solito traditori) e a quelli che hanno combattuto per la patria anche dopo il tradimento del Re ( che ha fatto subito arrestare Mussolini).
    In Africa , dove sono nato ho ricordi di personeche hanno dato numerose informazioni di traditori dopo la caduta di Cheren . Sapete che mentre in Italia all’arrivo degli alleati tutti sono scesi in strada per osannare i vincitori e raccogliere le caramelle, ad Asmara i britannici sono entrati in un silenzio di tomba. Neanche gli eritrei li hanno accolti.
    Basta così .
    Feliciano Banotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.