Pubblicato il: 15 ottobre 2014 alle 8:10 am

Quasi un pensionato su due vive con meno di 1.000 euro, il 13,4% non arriva a 500

anziana_2(Adnkronos/Labitalia) – Quasi un pensionato su due (43,5% pari a 6,8 milioni di individui) percepisce un reddito inferiore a 1.000 euro mensili. Tra questi il 13,4%, pari a 2,1 milioni di pensionati, è sotto la soglia dei 500 euro, mentre quasi il 70% non raggiunge i 1.500 euro al mese. E’ quanto si legge nel Bilancio sociale dell’Istituto presentato oggi. “Al momento non sono previsti specifici interventi sulle pensioni nella legge di stabilità, né di togliere né di aggiungere”, ha detto il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti.

Dai dati emerge che nel 2013 l’Inps ha erogato in tutto circa 21 milioni di pensioni, (in lieve diminuzione, -0,6%, rispetto al 2012) tra cui circa 17,3 milioni di pensioni previdenziali ivs (invalidità, vecchiaia, superstiti) per circa 242 miliardi di euro e 3,7 milioni di pensioni assistenziali (principalmente pensioni e assegni sociali e prestazioni agli invalidi civili) per oltre 25 miliardi di euro. Le prestazioni previdenziali (finanziate interamente con contribuzione) sono riferite per il 55% ai dipendenti privati, per il 16,2% ai dipendenti pubblici e per il 26,9% ai lavoratori autonomi. La quota rimanente riguarda gli iscritti alla gestione separata, al Fondo clero, alle assicurazioni facoltative e coloro che prestano un’attività lavorativa non retribuita in ambito familiare. Con riferimento alla tipologia di pensione erogata, si rileva che gli assegni di vecchiaia e anzianità-anticipata (inclusi i prepensionamenti) sono in tutto circa 11,7 milioni e costituiscono il 67,3% del totale dei trattamenti ivs erogati. A seguire, le pensioni ai superstiti con il 25,7% (circa 4,5 milioni) e le prestazioni di invalidità-inabilità con il 7% (circa 1,2 milioni di trattamenti).

In calo apprendisti e operai – Apprendisti e operai in calo per effetto della crisi. Nel Bilancio si rileva che una situazione di difficoltà del mercato del lavoro è evidenziata dal calo degli apprendisti (-4%) e degli operai (-3,5%). A risentire meno della crisi economica gli impiegati (-1,3%) e i dirigenti (-2,1%). Gli unici che rispetto al 2012 presentano un aumento sono i quadri (+0,5%).

Blocco turn over Pa fa calare lavoratori pubblici iscritti – Il blocco del turn over nel pubblico impiego, nel 2013, ha influito sulla diminuzione dei lavoratori pubblici iscritti all’Inps. I lavoratori pubblici iscritti nel 2013 sono complessivamente 3.039.536, con una flessione del 2,1% rispetto al 2012. I dipendenti del settore privato sono diminuiti di 140.195 unità (-1,1%) mentre i parasubordinati hanno perso oltre 100.000 iscritti (-9,3). Nel complesso gli iscritti sono diminuiti di 357.000 unità (-1,6%).

Ammortizzatori sociali per 4,5 mln lavoratori – Oltre quattro milioni e mezzo di lavoratori hanno percepito almeno un ammortizzatore sociale nel corso dell’anno. Nel 2013 l’ammontare della spesa per ammortizzatori sociali è stata di 23,5 miliardi di euro, dei quali 14,5 di prestazioni e 9 di contributi figurativi, con un aumento rispetto al 2012 di 938 milioni di euro (+4,1%). La spesa è ripartita in 6,7 miliardi per la cassa integrazione (cig), 13,6 miliardi per l’indennità di disoccupazione e 3,3 miliardi per l’indennità di mobilità. Rispetto al 2012 si registra un aumento di spesa per la cassa integrazione del 9,6%, un incremento della spesa dell’Indennità di mobilità del 17,2%, mentre si assiste a un decremento dell’1% della spesa per l’indennità di disoccupazione. L’ampiezza dell’utilizzo degli ammortizzatori nel 2013 emerge anche dai dati sui beneficiari: la cig ha coinvolto in tutto oltre un milione e mezzo di lavoratori, la mobilità ne ha interessati oltre 300.000 e la disoccupazione nel suo complesso oltre tre milioni e mezzo.

1 Risposta for “Quasi un pensionato su due vive con meno di 1.000 euro, il 13,4% non arriva a 500”

  1. Anonimo ha detto:

    La Furbata politicalimpreditoriale del °volpone° Berlusconi, di aumentare le pensioni minime: «Pensioni a 1.000 euro per tredici mensilità” e un ministero per la terza età» e l’alleanza Salvini ed altre forze centriste, sono la giusta “miscela” per vincere le prossime elezioni
    dando scacco matto alla sinistra ormai allo sfacelo,penalizzata anche dal difficile periodo di governo che ha messo a dura prova tutta la poplazione ,la quale vede nelle elezioni politiche del 2018 una possibile svolta alle sofferenze patite e subite negli anni passati.
    La grande recessione è una crisi economica mondiale che prese avvio negli Stati Uniti Particolarmente colpite dalla crisi del settore industriale Italia, Spagna, Portogallo e Grecia, con sensibili riduzioni degli ordinativi e perdita di interi settori
    ‎Crisi dei subprime Crisi del debito sovrano europeo·Lehman Brothers cause non inputabili in toto al PD,ma che hanno segnato nella mente degli Italiani un disagio che invita a sperare che scambiando gli attuali governanti l’Italia ritorni ai suoi migliori trascorsi.
    Pensionati !!,Berlusconi sara’ garante in prima persona, qualora le casse dello Stato (INPS) non avesse/ro la capacita’ di sopportare l’ingente aumento degli aumenti promessi?Berlusconi (il centrrodestra)vincendo le lezioni grazie alla furbata in prima persona di Berlusconi, supportata dalle alleanze,non potra’ esimersi dal mantenere la promessa!!ALTRIMENTI CAZ..I SUOI !!!

Leave a Reply

Advertisement

TENIAMOCI IN CONTATTO

Il sito “A tutta Destra” è pubblicato dall’Associazione non lucrativa socio-culturale “AGORA’ NEWS” – C.F./P.I. 92063900721. Registrazione presso l’Ufficio del Registro del Tribunale di Trani al numero 03/10 del 03/02/2010. | Atuttadestra WordPress™ Powered by Antonio Valls. Qualsiasi disputa legale avrà quale foro competente il TRIBUNALE DI TRANI, anche a livello internazionale.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.