Pubblicato il: 8 aprile 2014 alle 4:50 pm

Case famiglia & business: Mucci (M5S) chiede commissione di inchiesta

2420141335ac96fcaDopo le ripetute e crescenti denunce delle criticità nel campo della tutela minorile l’onorevole Mara Mucci (M5S) in collaborazione con l’Associazione Pronto Soccorso Famiglie ha richiesto l’istituzione di una Commissione d’Inchiesta sulle case famiglia sugli allontanamenti facili.

***

È recentissima la notizia di un insegnante di sostegno che in un processo per maltrattamenti ha raccontato di aver visto spesso uno dei ragazzi della comunità terapeutica per minori «Lilium» in Abruzzo, imbottito di farmaci, incapace di restare sveglio in aula e pieno di lividi.
Gli scandali recenti sulle case famiglia, a cominciare dalla vicenda del Forteto, hanno aperto uno squarcio su questa realtà che presenta delle notevoli zone d’ombra e criticità. L’onorevole Mara Mucci del Movimento 5 stelle ha proposto l’istituzione di una Commissione d’Inchiesta sugli allontanamenti facili e sulle case famiglia dopo i molti casi di denunce di maltrattamenti proprio nei luoghi deputati alla tutela dei minori, e in seguito alla constatazione della mancanza di controlli e di dati statistici certi sui minori allontanati dalle famiglie e sulla loro condizione nelle cosiddette case famiglia.
Comunemente si crede che l’allontanamento dei figli dalla famiglia debba avere alle sue radici dei motivi gravi, ma spesso non è così. Secondo alcune stime, come ad esempio una recente ricerca della regione Piemonte, nel 70% circa dei casi, tramite valutazioni soggettive e opinabili, psichiatri, psicologi e assistenti sociali inducono il tribunale a prendere provvedimenti drastici e drammatici, sottraendo i figli alla famiglia, collocandoli nelle comunità, mettendoli poi sotto indagine, analisi e quant’altro: proprio come è successo recentemente a quei coniugi di Cernusco che sono stati accusati di avere una casa in disordine.
Le innumerevoli storie raccontate ormai quotidianamente dalla stampa hanno portato alla luce lo scandalo degli allontanamenti facili con circa 32.000 bambini attualmente sottratti alle famiglie, rispetto ai 7.700 della Francia per esempio. Se pensiamo che il giro d’affari delle strutture per minori va da 2 a 4 miliardi di euro l’anno con rette da 100 a 400 euro AL GIORNO per bambino, nascono spontanei dei forti sospetti sulla situazione attuale in Italia.
Ma non è tutto. Si fanno sempre più frequenti le denunce di abusi proprio nei luoghi deputati alla tutela dei minori. E alcuni fatti sono realmente gravi. Ricordiamo il caso dell’ex brigatista rosso che ha aperto una casa famiglia in provincia di Parma e che nonostante sia attualmente sotto processo per maltrattamenti ha continuato a lavorare con i minori.
Ma ci sono anche i casi della comunità di Mamma Ebe, della casa accoglienza “degli orrori” di Montalto delle Marche che per fortuna è stata chiusa grazie all’avvocato Miraglia e Pronto Soccorso Famiglia, la comunità Cavanà di Parma, chiusa nel 2009 e che pare sia stata riaperta con un altro nome dagli stessi soci, e così via.
La Commissione d’inchiesta sull’affidamento dei minori della Regione Toscana ha messo a nudo le criticità dei controlli, che sono insufficienti. Infatti nella relazione finale si dice: “Sia a livello di spiegazione del come si sia potuta determinare la vicenda del Forteto, ma anche alla luce di altre dichiarazioni di soggetti affidatari nonché dei servizi stessi, le maggiori problematicità si sono riscontrate nell’individuazione netta dei ruoli e delle competenze.” E più avanti: “Più che chiarire i dubbi, il quadro che emerge in realtà li aumenta: sempre alla luce della vicenda del Forteto, la confusione di ruoli, competenze e negligenze si infittisce. Se infatti sulla carta (leggi, codici e regolamenti) la definizione dei compiti sembra palese, nella pratica le relazioni tra questi soggetti appaiono un groviglio inestricabile.”
Un quadro preoccupante in cui si inserisce la proposta, depositata presso la Camera dei Deputati, di una Commissione d’Inchiesta dell’onorevole Mara Mucci per far luce su questo settore e per individuare delle soluzioni. “Il settore delle case famiglia è ormai diventato un business, ed è necessaria un’opera di trasparenza. Ci sono troppi bambini in affido alle comunità. Sono situazioni difficili in cui le famiglie più deboli non hanno nessuno che le difenda, dove la povertà e l’ignoranza (anche di sentimenti) mettono a repentaglio il futuro di questi piccoli innocenti. Ci sono molti operatori onesti che fanno un ottimo lavoro che spesso viene infangato dal cattivo operato di tantissimi altri. La tutela minorile si è trasformata in un vero e proprio business che drena le risorse dello Stato e non rappresenta una vera garanzia in difesa del minore, sulla pelle dei bambini. È tempo di fare chiarezza non soltanto sulle situazioni specifiche, di competenza della magistratura, ma su tutto il sistema.”

Da Pronto Soccorso Famiglia & on. Mara Mucci e Andrea Cecconi

3 Risposte for “Case famiglia & business: Mucci (M5S) chiede commissione di inchiesta”

  1. giuseppe silvestro ha detto:

    Eccole le prove amici …
    … per riconoscere che personale istituzionale, se non persistentemente errando ha mentito e travisato i fatti disgregando il nucleo familiare composto dallo scrivente Giuseppe Silvestro, dalla seconda figlia Mirella Greta ( già orfana della mamma dal 2008 ) da un cane e un meraviglioso gatto;
    la documentazione cartacea, video e audio che lo scrivente ha allegato al presente messaggio ( con indirizzo link ) dovrebbe bastare a far riconoscere l’inconfutabile e inquietante realtà di quale sporco sistema è stato posto in essere – senza disturbo alcuno eppur innanzi a più che fondate segnalazioni – sulla pelle della minore figlia Mirella Greta Silvestro e dello scrivente padre ed è composta dalla seguente documentazione:
    ***
    CHE DEV’ESSERE PAZIENTEMENTE VISTA, ASCOLTATA E LETTA PER COMPRENDERE QUALI GRAVISSIMI COMPORTAMENTI E/O REATI SONO STATI POSTI IN ESSERE NEI CONFRONTI DI UNA FAMIGLIA, OVVERO DI UNA MINORE FIGLIA E IL PADRE ( ! ) IN QUANTO PURE NUTRENDO ASSOLUTO RISPETTO PER ISTITUZIONI E AUTORITA’ NON PUO’ SILENTEMENTE TOLLERARSI UN TALE E PALESEMENTE INGIUSTO FINALE;
    ***
    doc. 1 – audio del preavvisato colloquio di indagine svolto il 14_11_2012 dagli Ass. Sociali Iannitti Elisabetta e Debora Maffeo ( ex IV Municipio del Comune di Roma ) nei confronti di Mirella Greta Silvestro e dello scrivente padre c/o l’abitazione dei stessi;
    doc. 2 – I^ parte audio/video del non preavvisato colloquio di indagine effettuato il 28_03_2013 dagli Assistenti Sociali Iannitti Elisabetta e Debora Maffeo unitamente agli Agenti della Polizia Locale di Roma Capitale Aimo Paola e Moscuzza Francesca, nei confronti di Mirella Greta Silvestro e dello scrivente padre c/o l’abitazione dei stessi;
    doc. 3 – II^ parte audio/video del non preavvisato colloquio di indagine effettuato il 28_03_2013 dagli Ass. Sociali Iannitti Elisabetta e Debora Maffeo unitamente agli Agenti della Polizia Locale di Roma Capitale, Aimo Paola e Moscuzza Francesca ( ed anche questi di appartenenza ex IV Municipio del Comune di Roma ) nei confronti di Mirella Greta Silvestro e dello scrivente padre c/o l’abitazione dei stessi;
    doc. 4 – relazione della riunione svolta il 22/05/2013 c/o l’A.S.L. RM/A T.S.M.R.E.E. di Via Dina Galli in Roma, sulla minore Mirella Greta Silvestro e che informalmente veniva consegnata allo scrivente padre, in copia, dal precedente tutore Malgherini Cristina – nella quale si legge anche di non condivise “reazioni” nei confronti dello scrivente padre da parte del Giudice del Tribunale per i Minorenni di Roma Dr.ssa Cristina Capranica E CHE VENIVA DEFINITO PATOLOGICO IL RAPPORTO AFFETTIVO ESISTENTE TRA I STESSI;
    doc. 5 – I^ testimonianza audio/video effettuata da Mirella Greta Silvestro ai primi del 2014 c/o l’abitazione della stessa e dello scrivente padre;
    doc. 6 – audio del colloquio non preavvisato effettuato da Mirella Greta Silvestro soprattutto con l’Assistente Sociale Debora Maffeo, marginalmente interloquendo anche altri soggetti, il 03/09/2014, c/o la sede dell’ex IV Municipio di Via Umberto Fracchia in Roma;
    doc. 7 – II^ testimonianza audio/video prodotta da Mirella G. Silvestro il 6/05/2015 c/o il giardino di Villa Torlonia in Roma;
    doc. 8 – III^ testimonianza audio/video effettuata da Mirella G. Silvestro la sera del 6/5/2015 c/o il bagno della casa famiglia “Piccola Casa San Giuda Taddeo” di Roma ( ossia da dentro il bagno della I^ casa famiglia in cui a Luglio 2014 veniva relegata e coattivamente accompagnandocela come se fosse una fermata );
    doc. 9 – audio del preavvisato colloquio svolto il 29/9/2015 tra Mirella G. Silvestro, il tutore Cristina Malgherini ( dell’Ufficio Tutela Pubblica del Comune di Roma, che ha ricoperto tale incarico sin a quando veniva sostituita da quello attuale, la Dr.ssa Rossella Rago ) l’Assistente Sociale A.S.L. RM/A T.S.M.R.E.E. Dr. Giorgio Rosini e lo scrivente padre, c/o l’Ufficio Tutela Pubblica di Viale Manzoni in Roma;
    doc. 10 – relazione della Dr.ssa Simona Vasallucci responsabile della casa famiglia “simpatia” – c/o cui Mirella Greta Silvestro veniva trasferita su propria richiesta più volte ribadita per le problematiche evincibili dall’ascolto e dalla visione del sopra stante doc. 8 e ben altre più avanti esposte – prodotta al Giudice del Tribunale per i Minorenni di Roma, Dr.ssa Cristina Capranica e nella quale, scremandola dalle frasi fatte, faziose e strumentali, viene testimoniato l’allora fortissimo legame esistente tra lo scrivente padre e la figlia Mirella Greta ( prima che venisse intenzionalmente represso – leggi doc. 4 ) RECENTEMENTE INDUCENDOLA ADDIRITTURA A REDIGERE UNA LETTERA CON LA QUALE DICHIARAVA DI RIFIUTARE OGNI FUTURO CONTATTO CON LO STESSO E LA SORELLA REBECCA;
    doc. 11 – colloquio svolto da Mirella Greta Silvestro c/o la casa famiglia “simpatia” ( ovvero nella II^ casa famiglia in cui veniva relegata a seguito dell’avere segnalato le problematiche evincibili/intuibili ascoltando il sopra stante doc. 8 e ben altre ) il 30/9/2015, con la responsabile della struttura Dr.ssa Simona Vasallucci;
    ***
    LA SOPRA STANTE ( E ANCHE SOTTO STANTE ) DOCUMENTAZIONE TESTIMONIA INCONFUTABILMENTE IL FORTE LEGAME AFFETTIVO E FAMILIARE CHE ESISTEVA TRA LA MINORE MIRELLA GRETA E LO SCRIVENTE PADRE, I COMPORTAMENTI SCORRETTI E/O SUPERFICIALI POSTI IN ESSERE DA PERSONALE ISTITUZIONALE PREPOSTO A INDAGINI E GIUDIZI, L’INESISTENZA DI PROBLEMATICHE O TALI DA GIUSTIFICARE I PROVVEDIMENTI PESANTISSIMI SEGUENTEMENTE ADOTTATI DAL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI ROMA;
    COMUNQUE PRESSO TALE II^ CASA FAMIGLIA LA SITUAZIONE GENERALE PEGGIORAVA NOTEVOLMENTE E MIRELLA GRETA, PROPRIO PER SOPRAVVIVERE IN TALE CONTESTO SOCIALE E CON “UNICA” SCUOLA FATTA DA PERSONAGGI DI INTUIBILE RISMA E PROBLEMATICITA’, COMINCIA A CARATTERIALMENTE INDURIRSI ED A VEDERE LO SCRIVENTE PADRE INUTILE E INERME AGLI EVENTI, NON SAPENDOLO IN REALTA’ IMPOTENTE PER INASCOLTATA FORZA MINORE;
    ***
    doc. 12 – audio del richiesto colloquio svoltosi tra lo scrivente padre e il precedente tutore Cristina Malgherini ( con ivi presente la collega di costei, con la quale divide l’Ufficio ) il 30/11/2015, c/o l’Ufficio Tutela Pubblica del Comune di Roma;
    doc. 13 – audio del richiesto colloquio svoltosi tra lo scrivente padre e il precedente tutore Cristina Malgherini, l’8/12/2015, c/o l’Ufficio Tutela Pubblica del Comune di Roma;
    doc. 14 – audio del preavvisato colloquio svoltosi il 28/01/2016 tra il tutore Cristina Malgherini, Mirella Greta Silvestro, lo scrivente padre, l’Assistente Soc. dell’A. S. L. RM/A T.S.M.R.E.E. Dr. Rosini Giorgio, la responsabile della casa famiglia “simpatia” Dr.ssa Vasallucci Simona;
    doc. 15 – atto di denuncia prodotto dallo scrivente padre il 31_03_2016 in merito a gravissimi fatti occorsi presso la casa famiglia “simpatia”;
    doc. 16 – audio/video di un ennesimo episodio di uso di sostanza stupefacente da parte di ospiti minori della casa famiglia “simpatia”, in merito al quale lo scrivente padre produceva ( ulteriori ) formali segnalazioni – si evidenzia che personale delle Forze di Polizia ( Commissariato “Tuscolano” ) procedette a specifica perquisizione della struttura su espressa disposizione dell’Autorità Inquirente;
    doc. 17 – decreto di decadenza della potestà genitoriale emesso dal Tribunale per i Minorenni di Roma nei confronti dello scrivente padre di Mirella Greta Silvestro ( il Giudice relatore è Dr.ssa Cristina Capranica ) si evidenzia che il precedente decreto di sospensione della potestà genitoriale è del medesimo tenore;
    doc. 18 – audio di comportamenti verbalmente aggressivi o sgarbati posti in essere dal personale definito “educativo” in servizio presso la casa famiglia “simpatia”, in merito ai quali il sottoscritto produceva ancora formali segnalazioni;
    doc. 19 – audio di comportamenti verbalmente aggressivi o sgarbati posti in essere dal personale definito “educativo” in servizio presso la casa famiglia “simpatia”, in merito ai quali il sottoscritto produceva ennesime formali segnalazioni;
    SENZA MAI RICEVERE RISCONTRO MA NEANCHE BEN RISOLUTIVI EFFETTI ( ! )
    ***
    CI SI POTREBBE CHIEDERE PERCHE’ NON INTERVENIVA IL CURATORE SPECIALE ( ? ) FIGURA ESPRESSAMENTE PREPOSTA E RETRIBUITA PER FRONTEGGIARE ANCHE TALI SITUAZIONI … SE LO CHIEDE ANCHE LO SCRIVENTE … ( ! );
    CI SI POTREBBE CHIEDERE ANCHE PERCHE’ LO SCRIVENTE NON HA OPPOSTO IL DECRETO DI DECADENZA DELLA POTESTA’ GENITORIALE E QUELLO PRECEDENTE DI SOSPENSIONE ( ? ) … PROBLEMI ECONOMICI, GIUDIZIARI ( SUO MALGRADO EPPUR ESSENDO UN ONESTO POLIZIOTTO CON VENTI SETTE ANNI DI CARRIERA ALLE SPALLE ) … E ALTRI DIFFICILMENTE SPIEGABILI E RISCONOSCIBILI DA CHI, PER SUA FORTUNA, NON HA DOVUTO CONOSCERE ALCUNE REALTA’ ( ! );
    ***
    doc. 20 – audio del preavvisato colloquio svoltosi il 09/12/2016 tra il tutore Dr.ssa Rago Rossella, l’Assistente Sociale Dr. Rosini Giorgio e Mirella Greta Silvestro, c/o l’Ufficio Tutela Pubblica del Comune di Roma;
    ***
    IN TALE CIRCOSTANZA VENIVA DATA A MIRELLA GRETA SILVESTRO LA NOTIZIA DEL TRASFERIMENTO DELLA STESSA PRESSO UN ALTRA STRUTTURA DI CASA FAMIGLIA, ADDIRITTURA TERAPEUTICA ( !?! … PUR SE ALL’EPOCA POSTA SOTTO SEQUESTRO E PRIVA DELLE SPECIFICHE AUTORIZZAZIONI SANITARIE ) E SITUATA FUORI DALLA PROVINCIA DI ROMA, NELLA FRAZIONE RURALE E ISOLATA DI “RIPA” – PG ( DAL COSTO GIORNALIERO DI CIRCA 450,00 EURO A MINORE ) … MOTIVAZIONE UFFICIALE ( ? ) QUALCOSA DEL TIPO: “FREQUENTI INGERENZE DELLO SCRIVENTE PADRE NEL LAVORO EDUCATIVO DELL’EQUIPE” … E SENZA FARSI OVVIAMENTE MANCARE “LA PERMETTENTE RELAZIONE PSICODIAGNOSTICA” … !!!
    ***
    doc. 21 – amorevoli disegni di Mirella Greta Silvestro rivolti allo scrivente padre ( il suo unico genitore e familiare rimastole );
    doc. 22 – per chi precedentemente non ne è venuto a conoscenza … un sunto delle precedenti segnalazioni prodotte dallo scrivente Silvestro Giuseppe;
    doc. 23 – alcune foto mie e delle mie figlie a diverse età;
    ***
    AD OGGI 6/09/2017 SONO CIRCA CENTOCINQUANTA GIORNI CHE ALLO SCRIVENTE VIENE IMPEDITO DI INCONTRARE LA FIGLIA MIRELLA GRETA E CIRCA CINQUANTA GIORNI CHE VIENE IMPEDITO A COMUNICARVI ( ! ) … MA COME SE NON BASTASSE NEANCHE GLI VENGONO DATE NOTIZIE SULLO STATO E ANDAMENTO DELLA STESSA, PUR AVENDOLO RICHIESTO … E RECENTEMENTE E’ STATA ANCHE INDOTTA A PRODURRE UNA LETTERA CON CUI HA CHIESTO DI NON PIU’ SENTIRE, NE’ INCONTRARE I PROPRI DUE UNICI ED EFFETTIVI FAMILIARI AL MONDO ( LO SCRIVENTE PADRE E LA SORELLA REBECCA ) …
    ED E’ PROPRIO DIETRO A QUESTA CHE OGGI, SE PRIMA ARRANCAVANO SOLTANTO DI ISTITUZIONALITA’, SI PARANO QUESTI PRESUNTI SANTI PROTETTORI DELLA MINORE MIRELLA GRETA SILVESTRO PER IMPEDIRLE OGNI CONTATTO FAMILIARE E SOCIALE CON CHI DELLA PRECEDENTE VITA;
    QUESTO DELLO SCRIVENTE E DI SUA FIGLIA MIRELLA GRETA SILVESTRO E’ DAI PIU’ RITENUTO UN PALESE CASO DI AVVERSA MALA GIUSTIZIA MINORILE … MA NESSUNO PARE CONCRETAMENTE INTERVENIRE;
    ANCORA TITUBANTI A CREDERE A QUANTO SIN AD ORA LETTO … ( ? ) … E ALLORA ANDATE A RILEGGERVI IL SOPRASTANTE DECRETO DI DECADENZA DELLA POTESTA’ GENITORIALE PER POI RAFFRONTARNE I CONTENUTI CON L’INCONFUTABILI PROVE CARTACEE, VIDEO E AUDIO ALLEGATE ( !!! );
    GUARDATELO ED ASCOLTATELO ( non leggetelo ) IL RAPPORTO CHE ESISTEVA TRA LO SCRIVENTE PADRE E LA PROPRIA FIGLIA MIRELLA GRETA, NONCHE’ LO STATO E IL RENDIMENTO SCOLASTICO ( tra i migliori e accertabile presso il Liceo Classico “Giulio Cesare” di Roma ) E SOCIALE DELLA STESSA … MA SOPRATTUTTO IL COMPORTAMENTO POSTO IN ESSERE DAI PRESUNTI SANTI PROTETTORI DEL MINORE … E GIUDICATE VOI STESSI ( !!! ).
    Abbracci e ossequi … ben accetto ogni ( accompagnatore ) supporto mediatico ma, se lo riterrete umanamente giusto, anche un supporto economico e legale ( previo contatto al 349/6840211 ) a fronte dell’esclusiva della mia storia nel più ampio e documentato dettaglio ( ! ).
    AD OGGI NON SONO RIUSCITO A FARMI DEBITAMENTE E CORRETTAMENTE ASSISTERE DA UN LEGALE MINORILE.
    Grazie infinite … Voi Giornalisti non siete soltanto una voce ma la voce del popolo … FATELA SENTIRE !.
    Sotto si allegano i link della documentazione audio, video e cartacea richiamata in narrativa:
    doc. 1 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNc2xUNmg4RFZnRTg/view?usp=sharing
    doc. 2 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNaU40RGRRM1hSVmM/view?usp=sharing
    doc. 3 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNbE9MLUtPOVlxLVU/view?usp=sharing
    doc. 4 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNVzhuendSc3BQWms/view?usp=sharing
    doc. 5 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNaXJoZTRqVDhyWlE/view?usp=sharing
    doc. 6 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNUDdfX0VzQW9zYms/view?usp=sharing
    doc. 7 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNNndsRU5qV2ZsdUE/view?usp=sharing
    doc. 8 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNZGtwSXRTVUhMNHc/view?usp=sharing
    doc. 9 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNMDI0ZmhLa09MQlk/view?usp=sharing
    doc. 10 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNQXoweTJwZ21UZ0U/view?usp=sharing
    doc. 11 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNRVRBSk9HVnNiZlU/view?usp=sharing
    doc. 12 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNaU8tRG5JTVphREk/view?usp=sharing
    doc. 13 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNZnV3MDROMEFWdUE/view?usp=sharing
    doc. 14 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNUFBIZlFuMEdLazA/view?usp=sharing
    doc. 15 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNMEFORVEzMjlpbHc/view?usp=sharing
    doc. 16 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNZ1ZEdVpJSFloTGs/view?usp=sharing
    doc. 17 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNNDFjYXBMYTVoU2s/view?usp=sharing
    doc. 18 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNdEF6NXBVMW9NUmM/view?usp=sharing
    doc. 19 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNVzA3bWVWOUZUQTA/view?usp=sharing
    doc. 20 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNVThQRzY2cXNkVHc/view?usp=sharing
    doc. 21 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNaTZIQWlYcEl6YkE/view?usp=sharing
    doc. 22 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNM1cxUm0xS0gyS2c/view?usp=sharing
    doc. 23 – link: https://drive.google.com/file/d/0B_D87u21xFVNUGJPQmpHX2drS2M/view?usp=sharing

Leave a Reply

Advertisement

TENIAMOCI IN CONTATTO

Il sito “A tutta Destra” è pubblicato dall’Associazione non lucrativa socio-culturale “AGORA’ NEWS” – C.F./P.I. 92063900721. Registrazione presso l’Ufficio del Registro del Tribunale di Trani al numero 03/10 del 03/02/2010. | Atuttadestra WordPress™ Powered by Antonio Valls. Qualsiasi disputa legale avrà quale foro competente il TRIBUNALE DI TRANI, anche a livello internazionale.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.