atuttadestra.net

RUSSIA: ASSASSINATO IL PROPRIETARIO DEL MUSEO STALIN

museoMosca Il proprietario dell’unico museo russo dedicato a Stalin e’ stato assassinato oggi a Volgograd, l’ex Stalingrado. Lo riferisce l’agenzia stampa russa Interfax. L’omicidio e’ stato compiuto da tre uomini non identificati che hanno picchiato brutalmente l’uomo d’affari Vasily Bukhteyenko su un campo da tennis, facendo anche uso di una pistola elettrica. La vittima e’ morta per le ferite riportate. La polizia non esclude un omicidio su commissione. Non e’ chiaro se l’omicidio sia legato al museo o alle altre di attivita’ di Bukhteyenko, che e’ anche proprietario di diversi alberghi e del caffe’ Stalingrado. A 57 anni dalla morte di Josip Stalin, la sua figura divide ancora profondamente la societa’ russa. Le quattro sale del museo comprendono una replica dell’ufficio di Stalin al Cremlino. Il piccolo museo sorge vicino al memoriale che ricorda la sconfitta nazista a Stalingrado, uno dei punti di svolta della seconda guerra mondiale. (Adnkronos/Dpa)-

2 commenti

  • Chissà per quale oscuri motivi lo hanno ucciso

  • antoniostola

    il museo in questione(forse non sarà pertinente,scusatemi),sorge dove tedeschi e russi si sono affrontati per mesi,al rigido clima russo,
    ma se le battaglie non si fanno allalavagna gli assedii,non neparliamo:i nostri starebbero ancòra lì a combattere,e fu proprio in una città russa che i soldati napoletani,si fecero sterminare,per difendere la retrioguardia napoleonica,a migliaia.non sarebbero mai tornari,in ogni caso.purtroppo la possibiltà di combattere in una città dai mille nascondigli,i nostri in russia non l’hanno mai avuta in tanti anni di guerra e hanno dovuto resistere in difesa rigida,ottocentesca,contro i carri russi,daui proiettili devastanti.durante la ritirata,forse gettando il cuore oltre l’ostacolo,si poteva conquistare qualche villaggio strapandolo ai russi, e lì aspettare la priimavera,per ripartire.
    ma le città russe erano cosìprivedi alimenti e r i russi cosa mangiavano?antonio stola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.