Insider choc: scissione nel Pdl. Con Alemanno rinasce An

Il Pdl è al minimo storico. Almeno a giudicare dai sondaggi che circolano in queste ore. Su tutti quello di Swg pubblicato martedì da Affaritaliani.it da cui emerge una percentuale che fa correre i brividi sulla schiena di Silvio Berlusconi: il Popolo delle Libertà non va oltre il 23,5%. Si spiega anche così il paventato appoggio del Cavaliere a Monti anche dopo il 2013.

Tradotto: l’ex premier è sicuro di perdere le prossime Politiche e un preventivo appoggio al Professore gli garantirebbe di rimanere nella stanza dei bottoni ancora per 5 anni. Ma non tutto è così lineare come sembra: secondo quanto è in grado di rivelare Affaritaliani.it, da fonti interne al Pdl, l’appoggio incondizionato a Monti non piace a una parte del partito: ex aennini in testa. E nel partito si ritorna a parlare di scissione. In prima fila ci sarebbe il sindaco di Roma Alemanno che capitana la fronda antimontiana (anche il no alla Olimpiadi lo ha definitivamente allontanato da presidente del Consiglio). Più tiepidi gli ex an Altero Matteoli, Ignazio La Russa e Maurizio Gasparri.

Proprio Alemanno trova una sponda in Francesco Storace con cui una volta guidava la corrente di An Destra Sociale. Il segretario della Destra, sentito da Affaritaliani.it, è uscito allo scoperto e ha fatto capire che l’idea di ricostruire An non è affatto peregrina: “Io sono pronto a sedermi al tavolo per ricostruire un grande contenitore di desta, che non so se sarà la riproposizione di Alleanza Nazionale, o di un’altra cosa, ma devono fare in fretta perché il tempo stringe”.

Più esplicita  la senatrice Adriana Poli Bortone, cofondatrice di Grande Sud che propone “una costituente di destra in grado di riprendere il percorso di Alleanza Nazionale. Sento che nel Pdl c’è qualcuno che pensa a Forza Italia. Il ritorno ad un simbolo identitario – dice l’ex missina – è una suggestione che attraversa molti di noi che veniamo da una forte militanza di destra.

In realtà l’Italia oggi è priva di una rappresentanza di destra ed Alleanza Nazionale oggi potrebbe interpretare legittimamente le esigenze di unità nazionale, di riequilibrio Nord-Sud, di socialità, di nuovo welfare, di economia sociale di mercato, di partecipazione dei lavoratori agli utili delle aziende, di attenzione alle nuove povertà”. Secondo l’ex ministro “riprendere quel percorso valoriale è quanto oggi si aspetterebbe una larga fetta di italiani che auspica il rinascere di una destra moderna nazionale ed europea. Perché non dar vita quindi ad una costituente di destra?”. Parole chiare che nei prossimi giorni potrebbero essere rilanciate da altri. Berlusconi è avvisato.

Daniele Riosa

http://affaritaliani.libero.it/politica/insider-choc-scissione-nel-pdl220212.html

 

8 Risposte for “Insider choc: scissione nel Pdl. Con Alemanno rinasce An”

  1. Fiato alle trombe! scrive:

    Per fare politica occorrono delle certezze e dei criteri certi di giudizio.
    La Destra é un termine di paragone che ti garantisce ciò che é giusto e ciò che é sbagliato.
    Una cosa va bene a Storace? Allora é giusta.
    Va bene a Buontempo? Allora é giusta.
    Facile, no?
    Cosa ci vuole a capirlo?

    Colgo l’occasione per dare fiato alle trombe!

  2. dextrus scrive:

    io ho capito benissimo che tu sei il tipo ideale ed esemplare della tragedia della destra italiana: un vuoto contenitore di slogan che ha rovinato l’italia e l’ha consegnata delle mani degli usurai mondialisti. confido solo che tu sia un buontempone che si diverte a ridicolizzare storace spacciandosi per un suo adepto. ti assicuro che ci riesci benissimo, perchè rappresenti proprio alla perfezione il militonto di fiamma e destra

  3. Fiato alle trombe! scrive:

    …vitello grasso….

  4. Fiato alle trombe! scrive:

    La poltica a volte sorprende ed é, per chi la sa fare, un esercizio creativo.

    Capito dextrus?

    Se nel PDL é un fuggi fuggi generale, se il PDL si squaglia in quanto legato al destino declinante di un Brlusconi in ritirata, la cosa più facile per Alemanno é tornare nella sua casa paterna, dove viveva insieme a suo fratello Storace.
    Il ritorno del figliol prodigo. Si farà festa grande e si ammazzerà il vitello grande e si DARANNO FIATO ALLE TROMBE!

  5. dextrus scrive:

    sfiatato e patetico: storace sta attaccando alemanno da mesi e dovrebbero fare un partito insieme? ma con quale faccia? e la poli bortone che sta con miccichè e fini? ma fateci il piacere: sotterratevi!!!!!

  6. Fiato alle trombe! scrive:

    Alemanno e Storace e Poli Bortone nella nuova Destra che urge e che la Nazione invoca a gran voce.

    Un sogno bellissimo!!!!

    Diamo fiato alle trombe!

  7. luca r. scrive:

    Se Storace questi anni non avesse fatto tutte le cazzate che ha fatto,oggi quel 2,4 si sarebbe come minimo raddoppiato e lui entrerebbe in parlamento con la pipa in bocca.
    Ma non è colpa sua.E’ colpa dei suoi tifosi che ancora lo difendono e lo leccano.
    E sono deluso anche da Buontempo che non lo ha fermato in questo progetto suicida.

  8. dextrus scrive:

    patetitici

Leave a Reply

Advertisement
Il sito “A tutta Destra” è edito dall’Associazione non lucrativa socio-culturale “AGORA’ NEWS” – C.F./P.I. 92063900721. Testata Giornalistica Registrata presso l’Ufficio del Registro del Tribunale di Trani al numero 03/10 del 03/02/2010. | Atuttadestra WordPress™ Powered by Antonio Valls